Google penalizzerà i siti web che non sono mobile-friendly

Google penalizzerà i siti web che non sono mobile-friendly

Il padrone indiscusso delle ricerche (Google) si appresta a fare un’ulteriore pulizia nelle SERP (Search Engine Results Page) dei siti con contenuti di basso profilo e che non si adattano alla navigazione in mobilità (responsive).

Non sarà un’azione immediata sulla visibilità ma, come per altri aggiornamenti dei suoi algoritmi, ogni suo RUMORS è sempre da prendere con attenzione per correre ai ripari prima che sia troppo tardi.

L’icona che indica se il nostro sito è compatibile con smartphone e tablet è già visibile da mesi nei risultati delle ricerche.

Il tuo sito è di tipo “responsive” e mobile-friendly?

Se la risposta è no, è arrivato il momento di rimediare e di renderlo accessibile e fruibile a chi ogni giorno naviga in mobilità.

Fai un test subito da questo link: https://www.google.com/webmasters/tools/mobile-friendly/

Nel 2015 avere un sito web mobile-friendly non sarà più una opzione ma una necessità e questo ce lo confermano le statistiche di oltre 400 siti web che monitoriamo quotidianamente: nel 2014 l’accesso a internet da dispositivi mobili ha superato quelli da desktop e questo dato tende inevitabilmente a crescere.

Questo non è solo un consiglio per rendere il tuo sito web appetibile agli utenti che utilizzano il cellulare per navigare, cosa buona e giusta…. ma anche perché il motore di ricerca di Mountain View ammette che i siti mobile-friendly saranno privilegiati nel posizionamento indicandoci quelli consigliati e quelli in cui troveremo difficoltà di navigazione o di lettura delle informazioni.

Chiunque gestisce un sito web e ha accesso al pannello WMT (Webmasters Tools) può testare il proprio sito e intervenire su consiglio di Google stesso per non subire penalizzazioni sulla visibilità nei motori di ricerca.

Probabilmente queste penalizzazioni coincideranno con gli aggiornamenti dei suoi algoritmi per rendere le SERP più vere con siti accessibili e responsive per arrivare addirittura alla eliminazione dai risultati delle ricerche con un grandissimo impatto negativo sulle visite.

Se hai un sito che non è RESPONSIVE, contattaci per avere informazioni su come intervenire.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

tre + sette =