Installazione delle porte REI, in alcuni casi è un obbligo

Installare porte antincendio è in alcuni casi un vero e proprio obbligo.

Sono le normative antincendio vigenti a stabilire, secondo il decreto ministeriale attuale, quali sono le limitazioni e gli obblighi sull’installazione porte REI e sulla conseguente manutenzione ordinaria di tutti questi strumenti che hanno lo scopo di proteggere gli ambienti da incendi molto spesso anche fatali.

Tutti sappiamo bene quando un incendio possa essere pericoloso, soprattutto quando esso avviene e si sviluppa all’interno di grandi locali, ampi spazi commerciali, adibiti all’uso ed alla frequentazione di un gran numero di persone: proprio per questo motivo è importante prevenire situazioni che possono rappresentare un pericolo non solo per i beni materiali e per le cose, ma anche e soprattutto per le persone che vivono e frequentano quei determinati locali.

L’installazione di porte REI rimane quindi non solo un atto di coscienza che deve essere fatto per evitare che gli eventuali, improvvisi ed imprevedibili incendi possano essere fatali, ma anche un atto obbligatorio, che è regolato da specifiche leggi e da decreti che ne stabiliscono le misure e il grado di resistenza.

REI è infatti la sigla che indica la resistenza delle porte antincendio e la loro capacità di comportarsi come isolante termico nel caso in cui si verifichi accidentalmente un incendio: per questo motivo, le porte antincendio devono essere controllate rigorosamente prima della loro installazione, attraverso specifiche prove di laboratorio che ne dovranno testare il grado di resistenza, l’efficacia, e l’affidabilità.

Per questo motivo è importante riferirsi ad una azienda seria, professionale come DUEMME SERVICE, la cui serietà sia certificata, e che effettui controlli accurati sulle porte REI prima della vendita e prima dell’installazione: inoltre, potrebbe essere conveniente che l’azienda sia anche in grado di sostenere e supportare il cliente anche in seguito ad eventuali problemi delle porte REI, attraverso una manutenzione ordinaria e straordinaria.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno + sette =